giovedì 19 ottobre 2017

William Shakespeare


Dal punto di vista strettamente biografico, di Shakespeare si sa ben poco. Oltre a mancare dati certi sulla sua vita, innumerevoli fatti ed aneddoti circolano, com'era facile prevedere, intorno alla sua figura. 
William Shakespeare nacque e crebbe a Stratford-upon-Avon (che letteralmente significa "“la strada che attraversa il guado” e dista soltanto un centinaio di miglia da Londra). La data di nascita potrebbe essere contestata in quanto essa è basata più che altro su di un affidamento alla tradizione.


William era il terzo figlio di John e Mary Shakespeare. Cinque dei loro otto bambini sopravvissero, e due di loro diventarono attori.

Il padre, artigiano rispettato, scalò i livelli della notorietà fino a diventare sindaco della città, nel 1568. William probabilmente fu introdotto all'istruzione verso l’età di quattro anni, apprese a leggere nel libro di preghiere anglicano (Prayer Book) e soltanto verso sette anni che poté beneficiare della cultura umanista dei maestri di scuola usciti, per la maggior parte, da Oxford, centro d’irradiazione degli studi classici.


Come si è già accennato, si ignora quasi tutto di Shakespeare dall’anno della nascita a quello dove lo sappiamo a Londra.
Si pensa che il poeta inglese compì un viaggio in Francia ed in Italia e che sarebbe forse ripartito verso Londra con gli attori della compagnia della regina nel 1587.

Shakespeare si sarebbe inizialmente guadagnato da vivere custodendo i cavalli dei gentiluomini all’ingresso di questi teatri prima di avviarsi alla carriera da drammaturgo.

Della vita di Shakespeare sono sopravvissuti pochi documenti. È provato, tuttavia, che Shakespeare lavorò a Londra come attore e drammaturgo fra la fine degli anni Ottanta e l’inizio dei Novanta del XVI secolo. 

Shakespeare fu attore, scrittore e comproprietario della compagnia teatrale dei Servi del Lord Ciambellano, che con l’ascesa al trono di Giacomo I divenne poi la compagnia degli Uomini del Re. 

La prima menzione della sua presenza a Londra figura nel pamphlet Greene’s Groats-worth of Wit pubblicato dopo la sua morte dal rivale Robert Greene.


La maggior parte delle sue opere sopravvissute furono scritte fra il 1589 e il 1613.

L'opera di Shakespeare è vasta, varia, profonda.

Si possono contrapporre le sei tragedie greco-romane - ispirate per la maggior parte alle  Vite di Plutarco (Giulio  Cesare, Antonio e Cleopatra, Coriolano, Timone di Atene) - alle cinque tragedie che traggono la loro sostanza narrativa dai racconti italiani (Romeo e Giulietta, Otello) o di cronache storiche o leggendarie d’ambiente nordico (Amleto,   Re Lear, Macbeth).

Le sue tragedie greco-romane studiano la connessioni del  linguaggio col corpo, col potere, con la guerra. Le cinque grandi tragedie mettono in scena i loro eroi di fronte ad un destino che assume una forma sempre ambigua - fantasma (Amleto), parole menzognere (Otello, Macbeth), malinconia ingannevole (Romeo e  Giulietta), silenzio ambivalente ( Re Lear) .

Amore e morte si inseguono in tutta la sua opera, si mescolano a superstizioni e magia,  alla disperazione, alla guerra e al potere. All’alba della guerra dei  Trent’anni, queste opere fanno rivivere il Rinascimento  elisabettiano attraverso un linguaggio nuovo, indelebile nel tempo.

Conquistato un certo benessere, a partire dal 1608 Shakespeare diminuì dunque il suo impegno teatrale; sembra che trascorresse periodi sempre più lunghi a Stratford, dove acquistò un'imponente casa, New Place, e divenne un cittadino rispettato della comunità. Si pensa si fosse ritirato a Stratford intorno al 1613 all’età di quarantanove anni, dove morì tre anni dopo. 


Non esiste prova che Shakespeare sia rimasto gravemente ferito nell’incendio del Globe del 1613, ma l’ipotesi è stata avanzata da Graham Philips e Martin Keatman nel loro The Shakespeare Conspiracy (La cospirazione shakespeariana).




Per tutti coloro che hanno interesse nel conoscere e approfondire opere, tematiche correlate a William Shakespeare, è consigliata l'iscrizione al gruppo Lettura condivisa- "Othello" di Shakespeare



Articolo a cura di Ilaria Cutrì