lunedì 20 luglio 2015

Recensione di "Lasciati amare" di Jeky Emme a cura di Ilaria Cutrì.


“Io sono così, o mi ami o mi odi. Con me non ci sono mezze misure.
O mi capisci oppure resterò sempre la persona più complicata che tu abbia mai conosciuto.”


Quante volte pensiamo di conoscere qualcuno di cui invece conosciamo solo il nome o poco più?!
Quante volte non ci sentiamo compresi dalle persone che ci stanno accanto?! Quante volte crediamo ci sentiamo sicuri e protetti dai muri che abbiamo alzato e poi,
accade qualcosa e,come per magia,si ritorna quella persona sensibile che non aveva alzato un muro,ma uno scudo solo per proteggersi?!


Ecco Chloe,la ragazza fragile e forte;insicura,eppure determinata;organizzata in tutto e sempre piena di imprevisti!



“Ho bisogno della mia stabilità, della mia routine, delle mie piccole sicurezze e di seguire i miei progetti senza nessun ostacolo e lui, è un imprevisto.”



Si,lui! Bryan,lo sconosciuto che si è perdutamente innamorato dei suoi occhi azzurri da un anno senza nemmeno conoscerla,colui che le ruberà il cuore,facendole riscoprire di essere ancora una ragazza bisognosa di lasciarsi amare. 

Bryan saprà capirla,senza farglielo capire,toccherà le corde più sottili della sua sensibilità,del suo essere la donna che è,e riuscirà ad amarla nonostante tutte le vicissitudini classiche che si intrecciano in un romanzo d’amore.
Ho scelto a caso questo romanzo tra molti altri titoli,casualmente e appena ho iniziato a leggerlo ha catturato la mia curiosità sin da subito! 
Molta dell’originalità dell’autrice sta nel proporsi al lettore in modo leggero,attraverso frequenti interventi che,con tono piacevole e quasi confidenziale,conferiscono un ruolo dinamico alla storia,facendo diventare il lettore,parte del racconto.

Una favola moderna e romantica che fa sognare e credere ancora nel principe azzurro,nella bontà dei sentimenti genuini al di là di quelle che possono essere i pregiudizi!